Accesso agli atti

Accesso agli atti


Considerate le misure urgenti e straordinarie per il contenimento della diffusione del CORONAVIRUS

si comunica che solo le  richieste di presa visione potranno essere evase dopo il 3 aprile.


Si comunica che dal 13/02/2019 è necessario utilizzare la nuova modulistica per l’accesso agli atti riguardante pratiche edilizie.

Scarica qui il modulo di richiesta di accesso agli atti.


INFORMAZIONI UTILI
Come e a chi si presenta la domanda di accesso ai documenti amministrativi
  • Accesso informale

Il diritto di accesso può essere esercitato in via informale, dietro semplice richiesta verbale all’ufficio che ha formato o detiene stabilmente il documento, se la tipologia del documento richiesto esclude la presenza di controinteressati. La valutazione se ammettere o meno l’accesso in via informale spetta al dirigente responsabile dell’ufficio.

  • Accesso formale

Ove invece sia necessario compiere una valutazione più approfondita sull’interesse manifestato dal richiedente per accedere agli atti, o sulla eventuale presenza di controinteressati all’esercizio del diritto di accesso, è necessario presentare formale richiesta di accesso agli atti utilizzando la modulistica allegata in questa pagina.

Come consegnare la richiesta di accesso all’URP

La richiesta, sottoscritta dall’interessato può essere:

  • consegnata personalmente all’ufficio URP del Comune di Pescara
  • consegnata personalmente al Protocollo Generale del Comune di Pescara, che la smisterà all’URP;
  • consegnata nei luoghi sopra indicati a mezzo di un delegato, munito di delega in carta semplice con copia fotostatica del documento di identità del delegante;
  • inviata, allegando la copia fotostatica del documento di identità del richiedente attraverso il servizio postale (posta ordinaria o raccomandata) all’URP, che dopo la verifica formale la trasmetterà all’ufficio che ha formato l’atto o il documento;
  • inviata per via telematica, esclusivamente attraverso la propria casella di Posta Elettronica Certificata, all’indirizzo: protocollo@pec.comune.pescara.it.

L’esame dei documenti avverrà, successivamente, presso gli uffici del Servizio SUE e Condoni, previo appuntamento che sarà comunicato telefonicamente o all’indirizzo pec/mail indicato.

Gli atti antecedenti al 1961 sono conservati all’Archivio di Stato.

La domanda deve essere compilata in ogni sua parte. Non saranno prese in considerazione domande contenenti indicazioni generiche che non consentano di individuare con certezza il documento richiesto o di valutare l’interesse che fonda l’esercizio del diritto di accesso.

Ogni istanza può richiedere più fascicoli edilizi purchè riferiti al medesimo immobile.

Nel caso i dati non siano noti è necessario effettuare una ricerca presso l’Ufficio Archivio SUE e Accesso Atti e/o SUAC per pratiche di condono, avendo cura di fornire documentazione e/o informazioni che rendano possibile all’ufficio rintracciare la pratica edilizia.

La ricerca, con tempo medio di ricerca per singolo immobile di 20 minuti, deve avvenire negli orari diapertura al pubblico o in alternativa su appuntamento nelle giornate di non apertura al pubblico.

E’ fondamentale conoscere il nominativo dell’intestatario del titolo cercato. Se non si conosce il nominativo il richiedente l’accesso agli atti deve eseguire prima una ricerca catastale presso l’Agenzia delle Entrate: visura storica e per immobili antecedenti all’impianto meccanografico del 1987 andare in catasto per visionare il cartaceo ivi presente).

Quanto tempo ci vuole per l’evasione della richiesta di accesso?

Nel caso di accesso esercitato in via informale:

  • la richiesta viene soddisfatta immediatamente;
  • è comunque richiesto il pagamento delle spese di istruttoria e segreteria (comprese di visura e di digitalizzazione dei fascicoli richiesti).

Nel caso di accesso formale:

  • l’ufficio deve concludere il procedimento entro 30 giorni dal ricevimento della richiesta con l’accoglimento dell’istanza, ad eccezione dei casi di sospensione o differimento.
Ritiro o visione degli atti

In ogni caso l’invio delle copie digitalizzate o la visione degli atti in formato digitale deve avvenire entro 30 giorni dalla comunicazione di accoglimento dell’istanza di accesso. Trascorso tale termine il procedimento viene archiviato e l’interessato potrà eventualmente ottenere l’accesso soltanto presentando una nuovaistanza.

Cosa fare in caso di rigetto della richiesta?

È possibile fare ricorso al Difensore Civico regionale o al TAR – Sezione Abruzzo:

  • contro le determinazioni amministrative che negano il diritto di accesso;
  • in caso di diniego implicito per decorrenza del termine di 30 giorni senza avere ricevuto risposta;
  • in caso di differimento dell’esercizio di accesso.
Il ricorso può essere presentato personalmente e la parte può stare in giudizio senza l’ausilio di difensore.
Costo per la visione e/o estrazione copie dei documenti
Per il rilascio delle copie della documentazione richiesta è previsto il pagamento di un corrispettivo equivalente al costo di istruttoria, segreteria e digitalizzazione.
La tabella relativa alle tariffe è la seguente:
  • Consultazione in formato digitale (ogni 4 fascicoli)
    • DIRITTI TECNICI: € 17,85
    • DIRITTI DI SEGRETERIA € 6,00
    • PER OGNI FASCICOLO IN PIU’ IL COSTO E’ DI € 4,00
    • mediante versamento da effettuarsi sul c/c postale n. 19088657 intestato a Città di Pescara – servizio tesoreria o bonifico ordinario IBAN IT 35 D 07601 15400 000019088657.
  • Richiesta copie con trasmissione in formato digitale (per ogni fascicolo)
    • DIRITTI TECNICI: € 36,60
    • DIRITTI DI SEGRETERIA € 6,00
    • mediante versamento da effettuarsi sul c/c postale n. 19088657 intestato a Città di Pescara – servizio tesoreria o bonifico ordinario IBAN IT 35 D 07601 15400 000019088657.
Norme che regolano il diritto di accesso agli atti
  • Legge 241/90 e s.m.i. – Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi
  • DPR 184/2006
  • Dlgs. 196/2003
  • Regolamento per la disciplina di Accesso ai Documenti Amministrativi (Del. Cons. Comunale N. REG. 38 del 23/04/2018)